Tag: patrimonio

Obiettivo 4.9 SOFTWARE GESTIONE MANUTENZIONE PATRIMONIO

Premessa

La manutenzione ordinaria e straordinaria dell’intero patrimonio comunale spesso
è gestita dalle emergenze dovute all’ammaloramento.

Obiettivo

Attivazione di un sistema informatico per la catalogazione degli immobili, di tutte
le attività di manutenzione ordinarie e straordinarie necessarie con la relativa
programmazione e la valorizzazione unitaria. Quest’ultimo elemento risulterà di
grande aiuto in fase di stesura del bilancio di previsione.

clicca qui per ingrandire l’immagine

Obiettivo 4.8 EFFICIENTAMENTO ENERGETICO

Premessa

Il patrimonio immobiliare pubblico di Alpignano è in alcuni casi particolarmente
vetusto e ad elevato consumo di energia sia per le tipologie edilizie costituenti gli
immobili e sia per le condizioni di uso degli stessi.
Il patrimonio immobiliare è oltretutto particolarmente eterogeneo come tipologia
e ha una frequenza di utilizzo molto variabile che genera inevitabilmente maggiori
sprechi energetici soprattutto per il riscaldamento dei locali.

Obiettivo

Programmazione di interventi di efficientamento come tipologia ed entità laddove
ci sia la maggiore convenienza economica in termini di ritorno dell’investimento e
di utilità di impiego da parte della cittadinanza.
Per indirizzare la scelta degli immobili su cui intervenire occorrerà redigere almeno delle diagnosi energetiche mirate a determinare, in base agli attuali consumi elettrici e di combustibile, gli interventi più convenienti sotto l’aspetto del ritorno economico dell’investimento.
L’efficientamento energetico degli edifici prescelti sarà realizzato privilegiando
tecnologie con un basso impatto ambientale e quindi conformi ai CAM (Criteri
Ambientali Minimi), prescritti dalla normativa vigente.
Tra le tecnologie disponibili si cercherà di dare massimo impiego a quelle “passive”
e cioè con una bassa ricaduta negli anni di vita futura dell’immobile con bassi costi
di manutenzione necessari a preservare l’opera nel tempo.
In termini generali, in un’ottica di maggiore convenienza per l’amministrazione si
cercherà di intervenire dapprima sull’involucro degli edifici nelle parti opache e
trasparenti con sistemi a cappotto e nuovi infissi a bassa trasmittanza e solo
successivamente con interventi di natura prettamente impiantistica che
presentano per loro natura costi iniziali più elevati oltre che importanti costi di
manutenzione futuri.
Si cercherà laddove possibile e conveniente di diffondere al massimo l’impiego di
valvole termostatiche, in quanto sono oramai un ottimo sistema per limitare le
sovratemperature (e quindi sovra consumi), dei locali derivanti da esposizioni non
convenienti oppure da affollamento elevato, tipicamente per gli edifici scolastici.
Per ogni intervento si cercherà di usufruire di incentivazioni statali quali bandi di
finanziamento e conto termico attraverso un’interlocuzione attiva con il GSE,
(Gestore Servizi Energetici).
L’investimento iniziale verrà ammortizzato dal minor dispendio energetico in
tempi economicamente vantaggiosi.

clicca qui per ingrandire l’immagine

Obiettivo 4.7 RIQUALIFICAZIONE EX PALAZZO COMUNALE PIAZZA VITTORIO VENETO E LOCALI 2° PIANO ISTITUTO SAN PAOLO

Premessa

A seguito dello spostamento al Movicentro degli uffici della Polizia Locale (già
avvenuto), del CISSA e dell’ASL (in corso di attuazione), gli immobili risulteranno
liberi per poter definire una nuova destinazione d’uso.

Obiettivo

Adeguamento locali per attività culturali temporanee quali mostre, insediamento
stagionale di attività legata alla cultura musicale (scuola di musica e sale prove) e
attività accademica legata alla terza età.

clicca qui per ingrandire l’immagine

Obiettivo 4.6 RIQUALIFICAZIONE VILLA GOVEAN

Premessa

L’immobile con grande valenza storica, architettonica e culturale, destinato per
tanti anni ad edificio scolastico e in un recente passato dato in gestione ad un ente
di formazione, risulta inutilizzato da diversi anni.

Obiettivo

Manifestazione di interesse per individuare un operatore privato in grado di
gestire la struttura per attività congressuale al fine di incrementare l’offerta locale
di servizi per generare una ricaduta economica sulla città, riservando l’utilizzo
gratuito (regolamentato dalla convenzione), da parte del comune, delle zone
auliche per attività istituzionale (eventi, conferenze, celebrazione matrimoni).

clicca qui per ingrandire l’immagine

Obiettivo 4.3: ALIENAZIONE EX SCUOLA TURATI

Premessa

L’edificio, costruito per ospitare una scuola primaria, è stato chiuso da quasi 20 anni e risulta in stato di abbandono.

Obiettivo

Considerata la chiusura dell’attività scolastica da alcuni decenni, la vetustà e la pericolosità dell’edificio costruito con manufatti in cemento amianto e la necessità di bonificare l’area, si propone l’alienazione dell’immobile per destinare l’area ad uso residenziale attraverso una procedura di bando pubblico.

clicca qui per ingrandire l’immagine

Obiettivo 4.2: ALIENAZIONE EX SCUOLA RIBERI

Premessa

L’immobile, destinato originariamente a scuola primaria e chiuso per questa finalità ormai da diversi decenni, risulta inutilizzato nella sua quasi totalità, senza una precisa destinazione d’uso ed in pessimo stato di manutenzione.

Obiettivo

Alla luce di una riqualificazione del centro storico, il volano per innescare un processo virtuoso è l’alienazione dell’edificio della ex scuola Riberi, da destinarsi ad edilizia residenziale e commerciale, premiando i progetti maggiormente sostenibili sotto il profilo energetico e funzionale, attraverso una procedura di bando pubblico.

clicca qui per ingrandire l’immagine

Obiettivo 4.1: LINEE GUIDA GESTIONE PATRIMONIO

Premessa

Il patrimonio edilizio di proprietà comunale risulta quanto mai vario sia come tipologia che come stato di conservazione.

Tra i beni posseduti vi sono sicuramente alcuni immobili non utilizzati da molto tempo e il cui reimpiego risulterebbe sicuramente antieconomico e quindi svantaggioso per la comunità.

E nonostante alcune iniziative di alienazione intraprese in passato non andate a buon fine, resta sempre più evidente il rischio di dover svendere anziché vendere alcuni immobili a causa dello stato sempre più degradato in cui versano vista la ridotta manutenzione a cui negli ultimi decenni sono stati sottoposti.

Obiettivo

Tra le prime attività da intraprendere ci sarà sicuramente un’approfondita analisi dello stato del patrimonio esistente, a seguito della quale si sceglierà di alienare alcuni di questi che, seppure integrati nel tessuto urbano cittadino, non presentano possibilità e vantaggi di utilizzo a breve se non con investimenti importanti che verrebbero distolti da altre priorità.

L’alienazione verrà fatta con precisi criteri di mutuo equilibrio tra gli interessi della collettività e la convenienza derivante dall’operazione immobiliare scaturita.

Le risorse economiche ricavate saranno impiegate per la riqualificazione del patrimonio edilizio rimanente.

clicca qui per ingrandire l’immagine