POLIAMBULATORIO: LA LUNGIMIRANZA TORNA SEMPRE UTILE

Regione Piemonte – firma del Protocollo d’intesa tra il Comune di Alpignano e L’ASLto3 il 7 Febbraio 2019 alla presenza dell’allora Assessore Regionale alla Sanità il Dott. Antonino Saitta

Martedì scorso finalmente è stato firmato il verbale di consegna dei locali del Movicentro alla ditta incaricata dall’ASL per la realizzazione dei lavori di adeguamento dell’edificio, dove torneranno quei servizi sanitari così tanto a lungo agognati dagli Alpignanesi, costretti a rivolgersi ai comuni limitrofi anche per i servizi più ordinari.

Questo passaggio è il risultato di un percorso iniziato 2 anni e mezzo fa, quando in data 7 Febbraio 2019 il nostro Consigliere Andrea Oliva, all’epoca Sindaco, e il Direttore generale dell’Asl Dott. Boraso firmarono il protocollo di intesa posando le fondamenta per il trasferimento del poliambulatorio.

Con tale accordo si sarebbe risolta entro l’anno 2019 la difficile situazione dell’Asl, finalmente spostato da un posto vetusto ed insalubre, e il comune avrebbe finalmente visto occupata parte del Movicentro, percependo (a scomputo avvenuto) un affitto di circa 25 mila euro annui.

Non fosse stato che, il 23 Dicembre 2019 alcuni consiglieri di maggioranza con la complicità di altri di minoranza, rassegnarono le loro dimissioni, portando il nostro Comune per l’ennesima volta al commissariamento e decidendo così di bloccare qualsiasi attività in essere e tra queste il passaggio al Movicentro dell’ASL.

È quindi con orgoglio che assistiamo oggi al raggiungimento di un obiettivo importante per la nostra città, con la soddisfazione di non esserne soltanto ambasciatori e spettatori, ma di fatto fautori ed attori protagonisti.

Continueremo a vigilare affinché tutto quello scritto sul protocollo d’intesa venga realizzato.

Il direttore generale dell’ASLto3 Dott. Flavio Boraso mentre firma il Protocollo d’intesa

CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 LUGLIO 2021

1. Interrogazioni

Durante il consiglio comunale del 29.07.2021 il nostro gruppo ha presentato 2 interrogazioni: una relativa alla società acque potabili e una sulla situazione della piscina comunale.
In merito alla prima interrogazione sulla società acque potabili e considerato che l’assemblea ha approvato il bilancio di esercizio, i nostri Consiglieri, Oliva e Albrile, interrogano il Sindaco per conoscere:

  • i dati principali del bilancio di esercizio 2020
  • i criteri con i quali verrà individuato il nuovo amministratore unico
  • quando verrà pubblicata la manifestazione di interesse per individuare l’amministratore unico e il revisore dei conti
  • se ci sono stati nuovi riscontri in merito al ricorso al Tar.
    Rispondono l’Assessore Granisso e il Sindaco Palmieri. L’Assessore Granisso presenta i dati di bilancio con un valore di ricavo di € 718.000, la parte più consistente dei ricavi è data dal servizio di distribuzione di acqua potabile per € 677.000, per ciò che attiene ai costi abbiamo un valore di € 287.000 per i servizi, nello specifico la spesa per l’energia elettrica, e i salari per € 267.000. Gli ammortamenti ammontano a € 48.000 e gli oneri a € 64.000. Il totale tra gli attivi e passivi, escluse le imposte, è di € 30.478. Le imposte ammontano ad € 16.048. L’utile netto ammonta a € 14.430.
    Interviene il Sindaco Palmieri in merito ai criteri con i quali verrà individuato il nuovo amministratore unico della società, si è deciso di proseguire secondo le modalità consolidate in passato ovvero mediante il bando pubblico, con 2 criteri fondamentali: la laurea in economia con una specializzazione in amministrazione aziendale e una comprovata esperienza in amministrazione aziendale. I tempi di pubblicazione saranno dal 9 di agosto 2021 nell’albo pretorio per 60 giorni. Non ci sono riscontri in merito al ricorso al Tar.
    I nostri Consiglieri si sono detti soddisfatti a seguito delle risposte presentate dall’Assessore Granisso. Per ciò che attiene le risposte presentate dal Sindaco Palmieri, purtroppo, non ci possiamo ritenere soddisfatti, soprattutto in merito alla manifestazione di interesse per l’individuazione del nuovo amministratore unico che riteniamo troppo lenta, si sarebbe potuta presentare a Gennaio-Febbraio. Per quanto riguarda il riscontro al ricorso al Tar, anche in questo caso, non ci riteniamo soddisfatti perché il 24 giugno 2021 il Tar ha convocato le parti ma, ahinoi, il comune ha deciso di non presentarsi. Secondo noi questa decisione politica di non presentarsi, ed attendere un ulteriore anno, è stato un clamoroso errore perché non abbiamo nulla da temere, visto che siamo dalla parte della ragione.
Interrogazione Acquedotto Comunale

Per quanto riguarda la seconda interrogazione i nostri Consiglieri chiedono notizie in merito alla piscina comunale e alla sua riapertura.
L’Assessore Scrima ci informa che la Sport Managment ha presentato presso il tribunale di Verona in data 05.10.2020 una domanda di ammissione al concordato preventivo con continuità per evitare le azioni esecutive e bloccare le azioni di fallimento. Il comune, a Febbraio 2021, ha risolto la convenzione con la suddetta società, per una serie di inadempimenti tra cui il mancato pagamento dei canoni ormai scaduti, la richiesta di concordato preventivo per cui la sussistenza di uno stato di insolvenza e infine la caducazione della polizza fidejussoria. Sono state studiate altre azioni giudiziarie per richiedere la restituzione della piscina ma il tribunale di Torino ha respinto tale richiesta. Nel frattempo la Sport Management ha ritirato la domanda di ammissione al concordato preventivo e con un atto a rogito presso un notaio ha affittato un ramo d’azienda alla società Prime, che risulta posseduta al 100% da una società spagnola. Questa società Prime risulta composta da un solo socio residente in Madrid. È chiaro che questa risulta essere una strategia difensiva per presentare una nuova domanda di concordato. Ci sono diversi comuni che hanno in atto problematiche con la società Sport Mangement, con l’aggravante, per il nostro comune, di un insoluto che ammonta ad € 100.000 di canoni, risulta che non hanno pagato le bollette dell’acquedotto per circa € 100.000 e forse anche l’utenza per il riscaldamento. Si sta valutando se fare un ricorso d’urgenza per riprendere possesso della struttura evitandone un ulteriore degrado. Non potremo fare nessuna azione per il recupero dei crediti.
Il nostro consigliere si è detto dispiaciuto per tale situazione perché i nostri cittadini non potranno utilizzare l’impianto e perché perderanno le rette pagate in precedenza. Abbiamo richiesto una azione legale più forte. Alla fine ci siamo detti soddisfatti della risposta dell’assessore perché abbiamo capito l’estrema complessità della situazione.

Interrogazione Piscina Comunale

4. Assestamento generale al bilancio di previsione 2021. Variazione N.4 al bilancio di previsione 2021-2023.

In seguito all’esposizione dell’Assessore Granisso relativa alla necessità dell’amministrazione di variare il punto n.4 del bilancio di previsione 2021-2023, in nostro Consigliere Oliva si dichiara perplesso poichè le attività per cui occorrono risorse aggiuntive sono quelle di fatto ordinarie e pertanto ampiamente preventivabili.

A titolo esemplificativo, cita il trasporto HC, per il quale variare la previsione di bilancio di € 30.000,00 non pare necessità di quadratura dei conti, ma mera dimenticanza.

Nella delibera proposta inoltre si incrementa di € 10.000,00 il capitolo per le manutenzioni ordinarie relative all’area lavori pubblici, atto che si sarebbe potuto evitare – come da noi esposto in campagna elettorale – attuando strategie per permettere disponibilità all’ufficio tecnico senza ricorrere ad un ulteriore incremento di bilancio per la manutenzione ordinaria.

Il nostro Capogruppo Oliva inoltre critica la disposizione di € 50.000,00 (sul 2021), di € 194.000,00 (sul 2022) e di € 127.000,00 (sul 2023) di spesa per il recupero dell’evasione tributaria: venne fatto durante la precedente amministrazione un investimento importante per dotare le risorse interne di sistemi informatici tali da rendere snello e breve il processo di recupero dell’evasione.

Intervento del Consigliere Andrea Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera contraria.

Delibera approvata.

5. Verifica sussistenza equilibri di bilancio 2021-2023 e ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi esercizio 2021 di cui all’art.193 del D.LGS.267-2000.

L’Assessore Granisso illustra la relazione sulla ricognizione dell’attuazione dei programmi di esercizio e la sintetizza sostenendo che non sono stati rilevati grandi problemi.

Il nostro Consigliere Oliva si dichiara NON SODDISFATTO di tale presentazione poiché presentata in modo troppo semplicistico, ed è un’occasione persa, anche per la minoranza, per scoprire come sono stati tradotti operativamente gli obiettivi del programma di mandato, e come si sono incontrati i desiderata della parte politica di maggioranza con le necessità organizzative degli uffici, spesso alla ricerca di risorse economiche per svolgere bene il loro lavoro.

Ad una lettura più attenta della relazione dei Direttori d’Area, emergono invece molteplici gridi di aiuto, che devono essere colti.

Per esempio, nel settore cultura/associazioni /sport, pur elogiando l’attività degli uffici preposti, Oliva sottolinea la mancanza nella relazione di una parte relativa, ma assolutamente a nostro parere dovuta, all’attività di programmazione organizzativa per la gestione degli impianti (palazzetto dello sport e bocciofila) non durante la pandemia, ovviamente, ma subito al termine della stessa.

Viene evidenziata anche la difficoltà a rispondere ai cittadini nell’URP: 191 segnalazioni e 15 risposte denotano che qualche problematica sussiste.

Oliva auspica ad un maggiore coinvolgimento delle risorse interne all’area finanziaria per la bonifica delle anagrafiche dell’attività tributaria, senza dover ricorrere ad ulteriori spese.

Sottolinea la necessità della Polizia Municipale di avere due nuovi automezzi per esigenze logistiche, un veicolo per l’infortunistica stradale e due motocicli per un migliore accesso al territorio, ma nulla di tutto ciò è stato inserito nella programmazione.

Per quanto compete l’area dei servizi alla persona, sottolinea che resta complesso il recupero dei crediti della mensa scolastica, e pertanto mette in evidenza che sussiste un problema da risolvere.

Esprime soddisfazione nel constatare che, per quanto compete all’area lavori pubblici, lo stato di attuazione si basa su attività pregresse della precedente amministrazione.

Oliva termina il suo intervento con un accorato appello per far sì che i lavoratori dell’ufficio servizi demografici stato civile/elettorale, ufficio strategico per il comune e che ha subito diverse difficoltà a causa della pandemia, vengano economicamente gratificati come profili professionali.

Interviene anche il Consigliere Albrile, elogiando le attività interessanti dell’area territorio, sottolineando la necessità di adottare un’unica piattaforma per l’invio delle pratiche e chiedendo nuovamente la digitalizzazione dell’archivio edilizio, affinché venga riorganizzato e reso più di facile accesso.

Il nostro Consigliere Oliva, durante la sua dichiarazione di voto contrario, esprime preoccupazione anche per l’ambito del CED (centro elaborazione dati) poichè è evidenziato nella relazione un problema sulla sicurezza informatica del comune: gli attuali stanziamenti di bilancio previsti non consentono di superare il livello minimo di sicurezza dati e le procedure attuali non sono del tutto adeguate alle disposizioni previste per il Disaster Recovery.

Intervento del Consigliere Andrea Oliva
Intervento del Consigliere Sandro Albrile
Dichiarazione di voto del Capogruppo Andrea Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera contraria.

Delibera approvata.

6. Commissione edilizia Comunale sostituzione componente.

Il Consigliere Brignolo illustra la delibera atta a sostituire un componente della commissione edilizia, assente ingiustificato in 3 riunioni consecutive e pertanto, per regolamento, decaduto.

Come criterio per procedere con la surroga, viene adottata la metodologia di segliere il sostituto secondo la graduatoria. Pertanto l’arch. Roberto Secci viene sostituito dal geom. Paolo Guselli.

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 GIUGNO 2021

1. INTERROGAZIONI

Durante il consiglio comunale del 29.06.2021 il nostro gruppo ha presentato tre interrogazioni: una relativa ai lavori di manutenzione del ponte nuovo, chiedendo la data di inizio lavori, una relativa ai lavori di manutenzione del verde pubblico e una all’installazione del sistema di videosorveglianza sul territorio cittadino.

In merito ai lavori di manutenzione del ponte nuovo, abbiamo chiesto se c’è certezza sulla data di inizio lavori. L’Assessore Barbiani ha detto che non c’è ancora la data: hanno fatto un’ interrogazione a città metropolitana che, attraverso l’ing. Tizzani, ha risposto che gli appalti stanno procedendo come previsto.
Il nostro consigliere Sandro Albrile si è detto soddisfatto, ma esorta l’assessore Barbiani a sollecitare e pungolare città metropolitana.

Interrogazione manutenzione Ponte Nuovo

Per quanto riguarda la seconda interrogazione sui lavori di manutenzione verde pubblico, il nostro consigliere Andrea Oliva ha chiesto giustificazione in merito alla grave situazione di incuria del verde pubblico comunale, con rischi per l’igiene e la sanità pubblica; sottolinea che risulta evidente che è mancata la pianificazione della manutenzione e che si poteva affidare la suddetta manutenzione ai coltivatori diretti di Alpignano e comuni limitrofi, come fatto dalla precedente amministrazione.
L’ Assessore Barbiani dichiara che l’attuale giunta ha fatto una ben precisa scelta politica di intervento sulle consolidate prassi di manutenzione del verde pubblico per costruire un modo diverso di gestione, ovvero accordo quadro, lasciando il comune sommerso da metri di verde pubblico. Ammette che sono in ritardo e si scusa coi cittadini!
Il nostro consigliere Andrea Oliva si dice non soddisfatto della risposta, poiché la decisione politica di modificare le opere di manutenzione, non escludeva l’utilizzo delle vecchie procedure, soprattutto sostiene che si sarebbe potuto optare per il sistema di affido del taglio erba agli agricoltori locali e poi il prossimo anno si variava il sistema passando agli accordi quadri.

interrogazione sui lavori di manutenzione verde pubblico

In merito all’interrogazione sulla installazione dell’impianto videosorveglianza cittadina: la videosorveglianza rappresenta un deterrente contro i crimini. Si richiede alla giunta se intenderà installare un impianto di videosorveglianza.
L’Assessore Barbiani informa che il 15 ottobre scorso l’amministrazione ha presentato domanda per accesso al bando per i finanziamenti, ma che lo stesso non è stato vinto. Il progetto di installazione di videosorveglianza resta uno dei progetti a cui la giunta tiene.
Il nostro consigliere Oliva si dichiara  parzialmente soddisfatto, perché la videosorveglianza è un grande deterrente per i reati all’interno dei comuni, questo porterebbe a maggiore sicurezza nel nostro comune.

Interrogazione impianto di videosorveglianza cittadina

2. COMUNICAZIONI

Il nostro gruppo ha presentato una comunicazione in merito alla segnaletica stradale verticale per sensibilizzare l’amministrazione comunale relativamente ad alcuni cartelli stradali installati ad un’altezza non corretta, che quindi risultano pericolosi per i pedoni che si muovono sui marciapiedi sottostanti. Ai sensi dell’art. 39 del codice della strada i cartelli di segnaletica verticale vanno posizionati sui marciapiedi o sui percorsi pedonali su cui insistono ad un’altezza non inferiore a 2,2 m. dal suolo, mentre ad esempio all’incrocio di Via Valle con via Garibaldi questo non avviene, essendo i cartelli direzionali ben posti più in basso, oscurando peraltro il semaforo ivi esistente. Il consigliere Albrile richiede pertanto venga prestata più attenzione alla normativa vigente in merito e vengano riposizionati in maniera corretta i cartelli maldestramente piazzati.

Comunicazione Posizionamento cartelli stradali

4. RENDICONTO DELLA GESTIONE PER L’ESERCIZIO FINANZIARIO 2020 -APPROVAZIONE

L’Assessore Granisso relaziona che il risultato di amministrazione al 31.12. 2020 è stato di € 6.197.265 e informa che è stato completato il rientro del disavanzo di amministrazione di € 294.113, che risultano crediti di dubbia esigibilita’ per circa 5 milioni di euro, ovvero soldi che i cittadini devono al comune che la giunta cercherà di recuperare. Entrate tributarie per 9 milioni, trasferimenti dello stato per circa 2 milioni di euro, 10 milioni di spese correnti. Il nostro consigliere Andrea Oliva ammette che 3 mesi di insediamento della nuova giunta non permettono nulla se non la mera analisi ragionieristica del bilancio. La sua chiosa si sofferma sul disavanzo di bilancio del 2019 che fa pensare ad una amministrazione scellerata ma che i circa € 294.000 sono frutto di una particolare obbligatorietà che ha determinato un disavanzo tecnico.

Presenta la delibera l’Assessore Granisso, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri si sono astenuti.

Delibera approvata.

5. BILANCIO FINANZIARIO 2021 – 2023 – 3 VARIAZIONE

Il consigliere Andrea Oliva ha chiesto lumi in merito ad alcuni aspetti del bilancio ovvero l’avanzo di amministrazione nella parte vincolata, nello specifico qual è l’importo dell’avanzo di amministrazione e quanta parte viene utilizzata in questa manovra.
Risponde l’Assessore specificando che l’avanzo ammonta ad €  954.219. Interviene il dott. Cangini che chiarisce che l’avanzo applicato in questa variazione ammonta a circa € 326 mila.
Il consigliere Oliva si è soffermato sul fatto che l’avanzo di bilancio è piuttosto cospicuo, questo significa che non si sono mantenuti gli impegni presi, esorta gli assessori in carica a spendere ciò che è stato previsto, sinonimo di buona amministrazione. Nello specifico, la critica è rivolta al fatto che si è dovuto far ricorso alla variazione di bilancio per fare attività già previste nel precedente bilancio.

Presenta la delibera l’Assessore Granisso, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri si sono astenuti.

Delibera approvata.

6. MODIFICA REGOLAMENTO TARI

7. PRESA D’ATTO DEL PEF ANNO 2021 – DELIBERATO DALL’ASSEMBLEA CONSORTILE CADOS IN DATA 08/06/2021

8. APPROVAZIONE TARIFFE DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2021

Il Consiglio Comunale decide di accorpare in un unico dibattito i 3 punti in oggetto e l’Assessore Granisso presenta la delibera, concludendo che grazie al DPR 158/99 si potrà godere del beneficio di una riduzione di circa 11% della quota variabile della e quindi del 5-6% in meno sul totale della bolletta.

Il nostro consigliere Oliva sottolinea ed esplicita ai cittadini che tale beneficio nella gestione delle tariffe, grazie all’intervento di copertura di una parte delle utenze domestiche, è da considerarsi un’attività UNA TANTUM, quindi valida solo per quest’anno.

Presenta la delibera l’Assessore Granisso, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

9. PROGRAMMA BIENNALE DEGLI ACQUISTI DI FORNITURE E SERVIZI 2021/22. APPROVAZIONE SECONDA MODIFICA

Nel rivedere la documentazione del programma triennale si sono riscontrati errori materiali e di merito che impongono di votare un emendamento relativo al programma biennale degli acquisti e delle forniture, nel merito del servizio di riscossione coattivo ( che passa da 36 a 48 mesi), del trasporto scolastico e della concessione asilo nido. L’Assessore Barbiani relaziona la delibera, specificando che si prevedono acquisti e servizi ben superiori a € 40.000,00  per servizi e forniture dell’ente (comprese assicurazioni, taglio del verde, fornitura energia elettrica e del gas) e pertanto si richiede l’inserimento di questi costi nel programma triennale.

Il consigliere Oliva interviene a proposito del taglio del verde non dichiarandosi soddisfatto del metodo con cui la maggioranza ha assegnato l’incarico ad un unico operatore, invece di far lavorare i coltivatori diretti come nella precedente amministrazione, magari riunitisi in un’associazione temporanea d’imprese.

Esprime perplessità anche in merito alla riscossione coattiva poiché si sarebbe potuto fare di più nell’accertamento e nel recupero dell’evasione tributaria, investendo parte dei soldi in risorse interne, quindi nel personale, per poter abbattere la cifra di € 70.000,00 oggetto dell’emendamento. Ritenendo puramente politico l’indirizzo da percorrere per raggiungere gli obiettivi e massima espressione della volontà politica l’espressione del voto dei consiglieri in Consiglio Comunale, il consigliere Oliva si dichiara basito dall’apprendere che decisioni importanti per tutti i cittadini si possano prendere sulla base di meri errori di calcolo, relativi ad interventi e cifre che a monte fanno parte di un programma di mandato.

Presenta la delibera l’Assessore Barbiani, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri si sono astenuti.

Delibera approvata.

10. SOCIETA’ PARTECIPATA CIDIU SERVIZI S.P.A.: APPROVAZIONE DELLA MODIFICA DELL’ART. 5 DELLO STATUTO SOCIALE RELATIVO ALL’OGGETTO SOCIALE

Dal 1/01/2021 il servizio di igiene ambientale è tornato in capo alla CIDIU SPA, in seguito ad un procedimento di ristrutturazione societaria della società partecipata e, come illustra l’Arch. Titonel, tutti i 17 comuni che hanno partecipazione col Cidiu sono tenuti a deliberare la modifica dell’art. 5.

Tale modifica viene presentata come presa d’atto di un percorso obbligato per legge, all’interno delle configurazioni societarie di Cidiu Spa e Cidiu Servizi, che sostanzialmente ufficializza il rientro del servizio di gestione rifiuti al Cidiu Spa.

A questo proposito intervengono entrambi i nostri consiglieri, ponendo l’accento sul fatto che il nuovo art.  5 comporta un sostanziale cambiamento rispetto al precedente statuto poiché prevede di trattare e smaltire anche RIFIUTI PERICOLOSI . Tale aspetto preoccupa non poco poiché evidenzia la volontà della Cidiu di allargare la propria possibilità di business anche ai “RIFIUTI URBANI, SPECIALI, ANCHE PERICOLOSI “, fatto di per sé comprensibile in un’ottica aziendale di profitto, ma assolutamente allarmante poiché lontano dallo scopo fondamentale della partecipata, cioè quello di assolvere bene al proprio compito di raccolta dei rifiuti dei cittadini e delle imprese assimilabili ai rifiuti urbani. Inoltre questa modifica potrebbe agire a sfavore della città qualora cambiassero i vertici, oggi affidabili e di tutto rispetto, del Cidiu poiché apre la strada anche a possibili logiche malsane.

Il consigliere Albrile sottolinea come fosse necessario specificare nel dettaglio cosa si intende per “pericoloso” all’interno dell’art. 5, con l’ausilio di un codice, poiché per come è scritto nell’articolo è troppo generico e quindi soggetto ad interpretazione.

Presenta la delibera l’Arch. Franco Titonel, interviene il Consigliere Albrile
Presenta la delibera l’Arch. Franco Titonel, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera contraria.

Delibera approvata.

11. ABROGAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA TRANSITORIA DI ALCUNE FASI E PROCEDURE RELATIVE ALL’ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI, IN ATTUAZIONE DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI CUI AL D.LGS.18 APRILE 2016, N. 50 – APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N.39/2016

12. ABROGAZIONE REGOLAMENTO: NUOVO CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI CUI AL D.LGS.18 APRILE 2016, N. 50 PER IL PROCEDIMENTO DI ACQUISIZIONE SEMPLIFICATA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE – APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N.40/2016

Il Consiglio Comunale decide di accorpare in un’unica discussione i due punti in oggetto.

Il consigliere Oliva condivide l’indicazione di utilizzare delle regole che sono leggi e linee guida esplicative delle leggi, soprattutto in un’ottica di snellimento delle procedure e di velocità degli acquisti.

Auspica un’ulteriore forma di controllo, poichè gli strumenti a disposizione della pubblica amministrazione per gli acquisti in rete permettono di trovare i fornitori coi prezzi migliori, e suggerisce comunque di ricorrere a minigare via email per mettere le imprese in concorrenza.

Presenta la delibera il Segretario Comunale Dott. Ciancaglini, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

13. APPROVAZIONE REGOLAMENTO BENI CONFISCATI

L’Assessore Scrima illustra il regolamento da approvare per disciplinare la concessione in uso a terzi dei beni immobili confiscati alla criminalità organizzata assegnati al patrimonio comunale sul cui territorio insistono, sottolineando che la finalità di tale concessione è quella di creare sul territorio attività a fini sociali e di sviluppo per Alpignano nell’ottica di una sempre maggiore cultura della legalità.

A garanzia della valutazione delle istanze verrà creata una commissione composta da Direttore Area Servizi alla Persona (Presidente), Direttore Area Patrimonio (Componente) e da un Componente esperto.

Proprio su quest’ultima figura, interviene il consigliere Oliva evidenziando una lacuna nel regolamento poiché non contiene una norma che stabilisca chi nomina tale Componente esperto né la durata del suo incarico. Anche l’articolo 8, che prevede l’affidamento dei beni in oggetto per un massimo di 19 anni, un periodo che pare troppo esteso considerando che eventuali investimenti potrebbero verificarsi in itinere, è oggetto di perplessità.

Ci piace inoltre sottolineare che le premesse per la gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata si devono alla precedente amministrazione comunale, che catalizzò l’attenzione sulla comunicazione del Ministero di Grazia e Giustizia relativa all’esistenza sul nostro territorio di tali risorse, e partecipò dopo lungo lavoro al bando, vinto, con cui ci furono affidati tali beni.

Presenta la delibera l’Assessore Scrima, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

14. APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L’ACCESSO ALL’ARCHIVIO STORICO E DI DEPOSITO

L’Assessore Peraccio presenta il regolamento per l’organizzazione e la gestione dell’archivio storico e di deposito, steso nell’ottica di favorirne la pubblica fruizione, ad uso gratuito, dettagliando le modalità di accesso e di eventuale allontanamento in caso di incuria o danneggiamento.

Presenta la delibera l’Assessore Peraccio, interviene il Consigliere Albrile

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

15. INTEGRAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LE AREE MERCATALI

L’assessore Montagono relaziona la delibera per approvare un’integrazione al regolamento delle aree mercatali cittadine, proponendo  l’introduzione del nuovo articolo 31 bis, relativo alla possibilità per l’operatore, concessionario nello stesso mercato di più posteggi, di accorpare su richiesta, due posteggi adiacenti appartenenti al medesimo settore merceologico.

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

16. MOZIONE PER INTITOLAZIONE DI UN LUOGO ALLE VITTIME DELLE FOIBE

Come Obiettivo Alpignano in un’ottica costruttiva abbiamo proposto una mozione che consentisse di avere un posto dedicato alla memoria di tutti coloro che sono stati umiliati e massacrati dai partigiani Titini, vittime che hanno subito una morte atroce buttate all’interno di buche naturali ricavate nelle rocce, dette Foibe, quasi a nascondere l’efferatezza di una presunta vendetta su inermi civili di origine italiana.

Ecco oggi il nostro pensiero va a coloro che han dovuto subire queste torture, a coloro che si sono ritrovati, i più fortunati, a morire sul colpo e agli altri, agonizzanti per giorni, ben sapendo qual fosse la fine che li aspettava.

Il pensiero va anche a tutti i familiari e ai discendenti di queste persone che per troppi anni si sono sentiti figli di un Dio minore.

La mozione presentata è stata condivisa anche da altri due gruppi politici di minoranza.

Oggi con soddisfazione lo possiamo dire: anche Alpignano avrà un giardino intitolato alle vittime delle Foibe e precisamente parliamo dello spazio verde ubicato all’angolo tra via Mazzini e via Marconi, all’ombra del Pino storico e della tipica fontana Torinese “Toret”.

Per una volta la demagogia ha perso e ha vinto il motto che bisogna :

“RICORDARE PER NON DIMENTICARE”

Presenta la Mozione il nostro Consigliere Sandro Albrile, intervengono i Consiglieri Albrile e Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

La Mozione viene approvata.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 31 MAGGIO 2021

1. INTERROGAZIONI

Durante lo scorso Consiglio Comunale del 31.05.21, in assenza di informazioni in merito, il nostro gruppo ha presentato due interrogazioni: una relativa allo stato dell’arte del progetto esecutivo sullo spostamento dell’Asl dai locali di Via Philips al MOVICENTRO di Piazza Robotti, chiedendo la data di inizio lavori e quella in cui i servizi saranno usufruibili dal cittadino, e una relativa alla concessione in gestione degli impianti sportivi del comune di Alpignano.
In risposta abbiamo ottenuto che il 28.06.2021 sarà la data di inizio lavori presso il Movicentro e, stante i 270 giorni stimati dal cronoprogramma esecutivo, si auspica che ad aprile 2022 saranno disponibili i primi servizi per il cittadino.

In merito alla concessione in gestione degli impianti sportivi si evince la volontà dell’amministrazione a procedere nel dare in gestione tali strutture ai cittadini che ne faranno richiesta, ma non prima di dirimere le questioni legali che il Comune ha in contenzioso con i vecchi affidatari.
Ci rendiamo conto della difficile operatività degli uffici comunali, sottodimensionati e carichi di lavoro, ma abbiamo sottolineato l’esigenza che si proceda in tempi brevi nell’affidamento delle strutture poiché dopo un lungo periodo di inattività sono sempre più i cittadini che ci esprimono questa esigenza.

Interrogazione presentata dal Consigliere Andrea Oliva
Interrogazione presentata dal Consigliere Sandro Albrile

2. COMUNICAZIONI

I nostri consiglieri Andrea Oliva e Sandro Albrile manifestano la loro contrarietà la per la scelta di questa amministrazione di non rispettare i termini di approvazione del rendiconto di gestione dell’esercizio finanziario 2020: non vuole essere una contestazione, ma trattandosi di atto importante per il comune, i nostri consiglieri sottolineano che l’ordinaria scadenza del 30.04.21 era già stata prorogata per legge al 31.05.21 e che, nonostante ciò, tale amministrazione ha comunque scelto di non rispettare tale termine nella consapevolezza di dover applicare il comma 2 dell’art. 141 del TUEL (che in taluni casi potrebbe portare allo scioglimento del consiglio comunale), pur capendo le difficoltà degli uffici.

Comunicazione presentata dai nostri Consiglieri, per la mancata approvazione nei termini di legge, del rendiconto di gestione del esercizio finanziario 2020.

In merito alla prematura scomparsa di Maria Grazia La Monica, Sindaco di San Gillio fino al 2019, il ns. capogruppo Andrea Oliva esprime le nostre sentite condoglianze, ricordando lo stretto rapporto di collaborazione.

L’intervento del Sindaco Steven Palmieri e del Consigliere Andrea Oliva, nel ricordo di Maria Grazia La Monica (Sindaco di San Gillio fino al 2019), anche insegnante alla nostra scuola media “Tallone”.

3. Approvazione dei processi verbali della seduta consiliare del 30/03/2021.

Approvato

4. Variazione programma triennale lavori pubblici.

In merito all’esposizione dell’Assessore Barbiani riguardo al programma triennale dei lavori pubblici, il nostro consigliere Sandro Albrile rimarca alcune criticità del programma stesso: in merito alle piste ciclabili, Obiettivo Alpignano avrebbe preferito portare avanti un ulteriore lotto del Peba, abbattendo barriere architettoniche e terminando i marciapiedi, anche perché la bozza di progetto prevede ciclabili miste su strade che saranno molto trafficate, appena inizieranno i lavori per il ponte nuovo e che ad oggi risultano piene di buche, nonostante il 30 marzo sia stato approvato il 6° lotto bitumature. Su richiesta in commissione 3 proprio del nostro consigliere Albrile, l’amministrazione ha costituito un tavolo di concertazione per la creazione del polo emergenziale. Il consigliere esprime disappunto poichè tale discorso è rimasto sospeso in quanto, dopo aver convocato 2 riunioni, non è stata convocata una riunione finale con illustrazione del progetto agli altri partecipanti al tavolo. Inoltre le maniche del polo emergenziale dovevano essere 2 e in commissione 3 si scopre che le maniche saranno 3.
Anche il nostro capogruppo Oliva critica il senso della concertazione di questa amministrazione che, dopo una falsa partenza sul progetto del polo emergenziale che ha interrotto un percorso di consiglio comunale, accetta di richiedere partecipazione e confronto agli altri gruppi consigliari, ottiene proposizione ed impegno e poi non comunica un resoconto finale.

Anche i conti non tornano: secondo noi l’intera opera richiedeva un impegno di spesa superiore al milione di € e pertanto necessitava di un progetto definitivo, che l’ufficio tecnico comunale ha ammesso esistere ma con grande disappunto abbiamo scoperto con un accesso agli atti che il non era disponibile e pertanto non ci è stato possibile verificare i costi.

Se il presupposto di tale progetto era di spendere circa 1.000.000,00 € per 2 maniche, non capiamo come possa diventare molto più del doppio( € 3.200.000 circa) per l’aggiunta di una terza manica. Inoltre non capiamo perché dover fare un mutuo da 1.000.000,00 di € quando si può ricorrere a bandi, ai fondi del recovery fund.
E restiamo comunque perplessi perché a nostro avviso € 3.200.000,00 sono un po’ troppi x un polo emergenziale ad Alpignano, di cui sicuramente c’è esigenza, ma che non deve affossare altre necessità del comune: rischiamo di doverci accollare un mutuo per ottenere una struttura abbozzata e mai terminata.
Ci appare una manovra disarticolata, di cui non condividiamo né la scorretta gestione dell’attività di minoranza, che si era resa disponibile a partecipare, né il metodo dei finanziamenti e pertanto non approviamo nemmeno la variazione di bilancio triennale, la cui maggior parte degli interventi è relativa proprio alla realizzazione del polo emergenziale e alla parte capitale.

Presenta la delibera l’Assessore Barbiani, intervengono i Consiglieri Albrile e Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera contraria.

Delibera approvata.

5. Variazione del programma triennale dei servizi e delle forniture.

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

6. Variazione N.2 al bilancio di previsione 2021-2023

I nostri consiglieri hanno votato in maniera contraria.

Delibera approvata.

7. Modifica regolamento canone unico patrimoniale.

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

8. Regolamento CI.VI.CO.

Obiettivo Alpignano non è d’accordo a procedere con l’abrogazione del precedente regolamento approvato nel 2017 perché, come espresso dal consigliere Albrile in commissione 4, è stato comunicato già confezionato, mentre ci si aspettava di concertarlo insieme senza urgenza per un’analisi ragionata, che permettesse l’integrazione di alcuni concetti nel regolamento esistente, senza sovrapposizioni.
Anche secondo Andrea Oliva il nuovo regolamento è complesso, condivisibile nei pari principi ma di difficile comprensione da tutti, non è scorrevole e siamo convinti che un ulteriore passaggio in commissione avrebbe permesso un lavoro più ben fatto anche a livello formale.
Spiace constatare di nuovo che tale amministrazione non valuti l’attività propositiva della minoranza, che rappresenta una fetta di concittadini, né la informi in itinere del risultato finale.

Nonostante ciò continueremo a fare opposizione costruttiva con grande ottimismo e perseveranza confidando che la maggioranza sia in grado di accettare il confronto in un’ottica costruttiva, abbandonando le stucchevoli ostilità mostrate finora.

Presenta la delibera il Consigliere Bosio, intervengono i consiglieri Albrile e Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera contraria.

Delibera approvata.

9) Mozione per intitolazione di un luogo (piazza o giardino) a Norma Cossetto.

Siamo rimasti sconcertati e rattristati nel constatare la mancata approvazione di questa amministrazione ad intitolare un luogo pubblico cittadino a Norma Cossetto, giovane studentessa istriana, catturata e imprigionata dai partigiani slavi, lungamente seviziata e violentata dai suoi carcerieri poi barbaramente gettata in una foiba.
Riteniamo sorprendente che si possa pensare di riempirsi la bocca davanti ai cittadini con parole come democrazia, inclusione, rispetto dei diritti altrui, solidarietà, pace, condannare ogni forma di discriminazione e di violenza e poi non accordare l’intitolazione di un luogo alla memoria di “una luminosa testimonianza di coraggio e amor patrio”, come dichiarata dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi nel 2005, durante il conferimento alla giovane della medaglia d’oro al merito civile.
In consiglio comunale si è di fatto dibattuto sul colore politico della violenza, senza di fatto dare una motivazione plausibile di questo rifiuto, strumentalizzando fatti storici per pura demagogia, infoibando di nuovo Norma Cossetto.

La Maggioranza boccia la mozione presentata dal Consigliere Martino, per l’intitolazione di un luogo pubblico all’interno del nostro Comune a Norma Cossetto Medaglia d’oro al merito civile e alla memoria, interviene il Consigliere Oliva.

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera non approvata.

10. Mozione per individuare e realizzare/implementare aree per sgambamento cani sul territorio comunale.

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

11. Ordine del giorno: sostegno alla approvazione alla proposta di legge: “misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi legati al sesso, al genere, all’orientamento sessuale, all’identità di genere e alla disabilità.

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

12. Ordine del giorno: riconoscimento del diritto esigibile alle cure sanitarie e socio sanitarie per i malati cronici non auto sufficienti e per le persone in gravi disabilità non auto sufficienti.

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

Convocazione del consiglio comunale del 31/05/2021

Interrogazioni presentate

Manutenzione del verde pubblico ad Alpignano

Quando l’assessore Morra e il sindaco Oliva affidarono l’incarico ai coltivatori diretti

Considerata l’impossibilità di effettuare un servizio puntuale ed efficiente di manutenzione del verde con mezzi e risorse proprie del Comune di Alpignano, a fine 2017 l’amministrazione Oliva decise di avviare l’iter per l’affidamento del servizio ad aziende esterne.

A seguito di numerosi incontri iniziati nel 2017 tra l’assessore Maurizio Morra, il sindaco Andrea Oliva,  e il responsabile di Coldiretti, forti di un accordo quadro tra l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) e la Confederazione Nazionale Coldiretti, nel 2018 l’amministrazione Oliva affidò la manutenzione del verde pubblico ai coltivatori diretti della zona per un importo complessivo di € 71.864,08 al netto dei ribassi d’asta.

Il servizio fu suddiviso in 7 lotti:

Lotto A – Scuola Borello, scuola Matteotti, scuola Turati (affidato a €.9.328,80 oltre IVA);

Lotto B – Giardini via Verdi, giardino via Garibaldi, area verde parcheggio corso Torino, area comunale via Arnò, aiuole parcheggio corso Torino, area comunale via Arnò, aiuole parcheggio via Battisti, aiuola strada provinciale 178 (via Rivoli), incolto via Arbarello (affidato a €.8.434,25 oltre IVA);

Lotto C – Giardino via Pietre e via XXV Aprile, giardino via Costa (fronte piscina), aiuole strada interna via Costa e via Antica di Rivoli, boschetto Belvedere via Costa, area verde ex Olivotto e via Rivoli parcheggio stazione (affidato a €.12.695,74 oltre IVA);.

Lotto D – Giardino e aiuole via Boneschi, giardino via Mazzini angolo via Marconi, giardino e aiuola Piazza 8 Marzo, incolto e aiuole via Colgiansesco, area verde Movicentro, area esterna cimitero, via Rivera, parcheggio auto e zona lavatoio via Matteotti (affidato a €.7.897,22 oltre IVA);.

Lotto E – Giardino via San Giacomo (Maiolo), giardino via Sant’Ambrogio, giardini via Cervino, incolto strada del Pascolo, giardino via Valdellatorre (prossimità edicola), incolto e aiuole Campagnola (zona industriale), giardino interno via San Giacomo (affidato a €.10.648,69 oltre IVA);

Lotto F – Giardino via Cavour (collegamento via Pianezza), giardino via Cafasse angolo via Baracca, giardini via Pianezza-Rossinini-Cavour (ex Casermette), aiuola ex SS.24 (via Cavour e via Venaria), giardino Sassetto e aiuola via di Vittorio, parco Aldo Moro, giardino viale Kennedy e via Nenni, aiuola via Nenni e viale Kennedy, aiuole via Cavour, aiuole via Pianezza (affidato a €.16.858,38 oltre IVA);

Lotto G –  Scuola Gobetti e Nido Don Minzoni, scuola Rodari, scuola Gramsci, scuola Tallone, ex Turati (affidato a € 6.001,00 oltre IVA);

Importo complessivo affidamento manutenzione verde pubblico, al netto dei ribassi d’asta, di €.71.864,08

Fino al 2020, anche durante il periodo di commisariamento , il Comune di Alpignano ha effettuato la manutenzione del verde con affidamento esterno.

Ci chiediamo perché l’attuale amministrazione abbia deciso di effettuare la manutenzione del verde attraverso le esigue risorse interne anziché continuare con un efficiente servizio affidato ai coltivatori diretti.

ATTI

COMMEMORAZIONE XXV APRILE 2021

I nostri consiglieri Andrea Oliva e Sandro Albrile hanno partecipato alla commemorazione ufficiale del 76° anniversario della Liberazione nazifascista nella mattinata di oggi, presso il parco della Rimembranza, nel rispetto delle misure restrittive dettate all’emergenza epidemiologica in corso.

LA MAGGIORANZA METTE IL BAVAGLIO ALLE MINORANZE

In data 19.03.21 apprendiamo con stupore e perplessità che la segreteria del sindaco ha inviato una comunicazione ai nostri consiglieri in merito alla decisione, univoca, da parte della Giunta su proposta del Sindaco e dell’assessore Granisso (D.G. N.79 del 18.11.2020), di attuare un taglio netto agli interventi dei gruppi consiliari di minoranza nel periodico comunale “Alpignano News”, riducendo di fatto tale possibilità di espressione ad un’ unica data annuale “che verrà comunicata successivamente” in occasione della pubblicazione di un “numero speciale” della rivista all’anno, rispetto alle 3 uscite degli anni passati.


Di fronte a questa comunicazione rimaniamo basiti, in questo modo si lede il diritto della minoranza e quindi di tutta la cittadinanza rappresentata da essa (circa il 50% della popolazione) di comunicare il proprio punto di vista rispetto all’attività dell’amministrazione in carica; a questo punto l’amministrazione farebbe meglio a cambiare il nome, da periodico comunale a “giornale di maggioranza”.

Riteniamo antidemocratico, preoccupante ed offensivo considerare “speciale” l’intervento delle minoranze, anche se ci rendiamo conto che il filo rosso di alcune miopi amministrazioni non accetti il mancato allineamento con il potere in carica.
Come cittadini alpignanesi ci aspettiamo dal sindaco, che proviene da un partito che si dice “democratico”, un passo indietro rispetto alla decisione di mettere un bavaglio alle minoranze.


Questo oltretutto non è l’unico episodio nel quale sono state messe da parte le minoranze: in molteplici occasioni istituzionali i consiglieri di minoranza non sono stati informati.

Ecco tutte le manifestazioni dove i nostri consiglieri non hanno ricevuto comunicazione


L’ex presidente del Consiglio Toni Pennisi In merito alle regole fa presente che l’art. 20 del regolamento del Consiglio comunale di Alpignano recita:

Articolo 20 – Diritto alle funzioni rappresentative

  1. I Consiglieri hanno il dovere di partecipare alle cerimonie, celebrazioni e manifestazioni indette dall’Amministrazione Comunale.
  2. A tal fine il Presidente informa i Consiglieri delle cerimonie, celebrazioni e manifestazioni indette.

Come possono i consiglieri di minoranza partecipare alle manifestazioni e alla vita pubblica se non vengono informati da colui che dovrebbe essere il garante del Consiglio comunale?

LA MAGGIORANZA IMPONE LE NOMINE IN COMMISSIONE EDILIZIA, ESCLUDENDO LA CATEGORIA DEI GEOMETRI E SENZA CONSIDERARE MINIMAMENTE LA PARITÀ’ DI GENERE.

I consiglieri comunali di Alpignano Sandro Albrile, Linda Genre, Kevin Gaeta, Davide Martino e Andrea Oliva dopo la riunione della commissione tecnica tenutasi in data 18/03/2021 durante la quale, tra i vari argomenti, è stato trattato quello relativo alla prossima nomina dei componenti della Commissione Edilizia Comunale, esprimono il proprio dissenso rispetto alla proposta enunciata dalla maggioranza. Una proposta, quella della maggioranza, imposta bocciando le  nomine suggerite dall’opposizione. Tale  proposta ha come risultato l’assenza dalla Commissione Edilizia del genere femminile e l’assenza della categoria professionale dei geometri.  


 “Sulla qualifica professionale siamo contrari nel discriminare una categoria, quella dei geometri, da sempre in prima linea al servizio dei cittadini nella gestione delle pratiche edilizie”, esprimono i suddetti consiglieri di opposizione.  
L’assenza della parità di genere è una proposta intollerabile, soprattutto perché proviene da una maggioranza che della parità di genere ha fatto un punto ben preciso nel proprio programma elettorale che recita in questo modo: “Bisogna salvaguardare le differenze di genere senza i fraintendimenti degli obblighi di legge (“le quote”, le “pari opportunità”), che spostano un concetto naturale come quello di uguaglianza sul piano dell’obbligo. L’emarginazione è frutto di cattiva educazione, sin dall’infanzia, e su questo occorre intervenire, in modo che la parità possa un giorno esserci senza che ci sia la legge a imporla” 


La proposta fatta dalla maggioranza non è così accettabile.  Confidiamo nella sensibilità, nella coerenza, nel senso di responsabilità e nell’onestà intellettuale di tutti i consiglieri comunali e del Sindaco nel poter rivalutare tale proposta e trovare, in sede di consiglio, una proposta alternativa e soprattutto equa.

Andrea Oliva (Obiettivo Alpignano)

Sandro Albrile (Obiettivo Alpignano)

Linda Genre (Alpignamo)

Kevin Gaeta (Martino Sindaco)

Davide Martino (Martino Sindaco)

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27 GENNAIO 2021.

In quest’anno di emergenza sanitaria, il Consiglio Comunale si è riunito nuovamente in modalità streaming mercoledì 27 gennaio per commemorare il Giorno della Memoria.

L’unico punto all’ordine del giorno è stato il conferimento della Cittadinanza Onoraria alla Senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta all’ Olocausto ed instancabile testimone attiva della Shoah.

Tale iniziativa affonda le sue radici nella scorsa amministrazione comunale, quando l’allora Consigliera Cristina Bertello propose in Consiglio, ottenendo l’unanime parere favorevole, di rendere nostra concittadina la Senatrice Segre, distintasi per altissimi meriti nel campo del sociale.

Riportiamo di seguito gli interventi dei nostri Consiglieri Andrea Oliva e Sandro Albrile.

Video dell’intervento del Consigliere Andrea Oliva per la Cittadinanza Onoraria alla Senatrice Liliana Segre

Video dell’intervento del Consigliere Sandro Albrile per il conferimento della Cittadinanza Onoraria alla Senatrice Liliana Segre

CONSIGLIO COMUNALE DEL 22 DICEMBRE 2020

Martedì 22 dicembre alle ore 18.00, si è svolto il Consiglio Comunale. Nel rispetto delle norme anti Covid-19, è avvenuto in videoconferenza per i consiglieri e in modalità streaming per la cittadinanza sulla pagina facebook del Comune di Alpignano.

Questo Consiglio ci lascia disarmati ed a differenza delle scorse volte anziché relazionare ogni singolo ordine del giorno preferiamo con questo post porre alcune riflessioni emerse dalla partecipazione ai dibattiti consiliari tenuti fino ad ora dall’Amministrazione Palmieri.
Troppo spesso, alle interrogazioni o mozioni proposte dai tre quarti delle opposizioni (un quarto della minoranza, senza alcun imbarazzo, sembra più seduto ai tavoli di maggioranza) traspare dai riscontri degli Assessori e Consiglieri una non buona volontà di collaborare per il bene del paese ed in alcuni contesti, come per la nostra interrogazione al Ponte Bailey, le risposte sono state poco precise ed esaustive. Non è questione di bontà o meno delle proposte; le interrogazioni e mozioni finora presentate hanno colto problemi dei quali l’Amministrazione si è accorta, ma ciò nonostante le prime, alcune, sono state trattate  con sufficienza mentre le seconde respinte. La discriminante è forse la provenienza delle idee che se proposte dalla minoranza vengono bocciate per la paura dell’amministrazione di attribuire la paternità delle opere o delle scelte all’opposizione, come se fosse una questione di lesa maestà.


Interessanti sarebbero gli scambi di vedute ed anche i confronti sarebbero più pacati qualora non si considerasse “una minchiata” il semplice punto di vista del nostro capogruppo Andrea Oliva come avvenuto in questo ultimo Consiglio Comunale ad opera dell’Assessore PierPaolo Barbiani non accortosi di aver il microfono accesso. Altrettanto se non si considerassero superflue le mozioni presentate da altri gruppi di minoranza che coscienti della sensibilità di questa amministrazione e delle attività già svolte in passato indirizzano la volontà politica della Giunta a maggiore attenzione ad eventi della nostra storia come i martiri delle foibe. In Consiglio Comunale non vogliamo lezioni di storia, lette da Wikipedia o scritte per mano altrui, tantomeno non si vuole essere accusati di strumentalizzazione politica; semplicemente si reclama il rispetto dei ruoli e delle persone, tutti e tutte. Seppur il regolamento non lo vieti, è neppure corretto commentare anticipatamente sulle pagine social, come per quest’ultima circostanza di Consiglio, le mozioni  che dovrebbero, per onestà intellettuale  e logica,  essere discusse nelle opportune sedi senza sminuirne gli intenti dell’avversario politico su profili Facebook.

In questo Consiglio Comunale è stata revocata la convenzione con il Comune di Villardora in merito alla gestione del Segretario Comunale che fino ad ora ha consentito un risparmio di circa il 20% sui costi di esercizio del suddetto personale, per non continuare a discutere delle spese di noleggio apparecchiature informatiche per lo smart working (non regolamentato da una norma specifica del Comune),  del personale comunale.

VOTAZIONI ORDINE DEL GIORNO

4. CENTRALE IDROELETTRICA SUL FIUME DORA RIPARIA – CESSIONE DI PROPRIETÀ SUPERFICIARIA DI CABINA ELETTRICA E COSTITUZIONE DI SERVITÙ DI ELETTRODOTTO E DI PASSAGGIO. APPROVAZIONE SCHEMI DI ATTO.

L’assessore Barbiani illustra la delibera insieme all’Arch. Titonel

Approvazione della concessione della servitù di passaggio

Nel 2017 venne approvata convenzione per la costruzione della centrale idroelettrica e di una cabina elettrica.

Nel Settembre 2019 si è dato il permesso di costruire e si è andati a regolarizzare con un atto notarile, la cessione della superfice per la cabina più passaggio di servitù per 30 anni.

I nostri Consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

5. RICOGNIZIONE ANNUALE DELLE PARTECIPAZIONI POSSEDUTE ALLA DATA DEL 31/12/2019 EX ARTICOLO 20 DEL D.LGS. N. 175/2016.

Il segretario comunale Dott. Gavaini illustra la delibera

Il nostro Capogruppo Andrea Oliva in merito alla partecipata S.A.P.A. (Società per la condotta di Acqua Potabile Alpignano)
“Nella passata amministrazione come Sindaco ho deciso insieme alla ex Giunta e consiglieri di resistere davanti al TAR ad ATO3 nella cessione di S.A.P.A. a Smat, è stata una decisione importante.

Inoltre nel passato mandato abbiamo stravolto lo statuto socetario di S.A.P.A., portandolo ad un amministratore unico e un revisore unico, riducendo così il costo di gestione, dando alla società ogni anno obiettivi di efficenza sempre maggiori, oltre ad un bilancio sempre in attivo, dove i guadagni vengono utilizzati per migliorare il servizio.

Aspichiamo che la maggioranza continui a resistere, dando così un ritorno prezioso per il territorio.

Per le altre partecipate è una presa d’atto.”

I nostri Consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

6. PRESA D’ATTO DEL PIANO ECONOMICO FINANZIARIO (PEF) RELATIVO AL SERVIZIO DI RACCOLTA E SMALTIMENTO RIFIUTI ANNO 2020.

L’assessore Granisso illustra la delibera

Questa delibera viene portata in consiglio per la variazione del metodo di calcolo del piano finanziario, dove ARERA (Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente) a definito relativo al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti in relazione alle tariffe TARI, da preventivo a effettivo, questo produrrà un aumento delle tariffe dal 2021.

Il nostro Capogruppo Andrea Oliva

“Ben venga il metodo MTR, questa adozione ha messo in evidenza i limiti di una gestione del Cidiu, fatta senza una regola fondamentale, cioè un limite di crescita delle entrate, questo voleva dire non porsi dei limiti sulle proprie possibilità. Questo però ha determinato un incremento di 49 mila euro, questo ci ha portato a verificare che i motodi utilizzati da Cidiu non erano nelle possibilità.

Un ulteriore nota negativa, constatare che all’assemblea del consorzio C.A.DO.S. (Consorzio Ambiente Dora Sangone), il Comune di Alpignano era assente perchè commissariato, quindi sollecito l’attuale amministrazione ad essere sempre presente alle assemblee, per dire la propria e far valere i diritti dei cittadini che rappresentano.

A questo proposito il Comune di Alpignano non ha avuto modo di dire la sua perchè commissariato, inevitabile è stato l’amento delle tariffe”

per queste motivazioni i nostri consiglieri hanno votato in maniera contraria a questa delibera.

7. INDIVIDUAZIONE DEGLI ORGANISMI COLLEGIALI INDISPENSABILI PER LA REALIZZAZIONE DEI FINI ISTITUZIONALI DELL’ENTE PER L’ANNO 2021 (ART. 96 T.U.E.L.)

con questa delibera sono entrati negli ORGANISMI COLLEGIALI INDISPENSABILI PER LA REALIZZAZIONE DEI FINI ISTITUZIONALI DELL’ENTE PER L’ANNO 2021, la Consulta Giovanile e la Consulta delle Disabilità.

I nostri Consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

8. DETERMINAZIONE GETTONE DI PRESENZA PER LA PARTECIPAZIONE ALLE SEDUTE CONSILIARI E ALLE SEDUTE DELLE COMMISSIONI PREVISTE PER LEGGE – ANNO 2021

Illustra la delibera il segretario generale Dott.ssa Gavaini

Il nostro Capogruppo Andrea Oliva

“Il gettone di presenza rimane invariato.

La precedente amministrazione ma anche l’attuale avrà attenzione nell’organizzazione del consiglio comunale, nel valutare con attenzione e nel contenere il numero di consigli comunali e nel continuare a mantenere l’orario del consiglio alle 18, così da contenere i costi.”

I nostri Consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

9. MOZIONE PER FAVORIRE LA COLLOCAZIONE, NEL QUARTIERE BELVEDERE, DI UN DISTRIBUTORE AUTOMATICO DI ACQUA NATURALE E GASATA “CASA DELL’ACQUA”.

Illustra la mozione il Consigliere Kevin Gaeta

La Consigliera Sciuto propone un emendamento che estende la possibilità di nuove casette dell’acqua a tutti i quartieri della città.

Il nostro Capogruppo Andrea Oliva

la mozione viene stravolta, dalla richiesta di una attività ben precisa, ad una attività generica, quando si stravolge strutturalmente una mozione ci va una variazione scritta ai consiglieri e non un video su Facebook

La zona centrale di Alpignano ha già una casetta dell’acqua in piazza Unità d’italia, il quartiere Sassetto ne ha una in Piazza Berlinguer, quindi c’era una logica nella richiesta del gruppo di Martino. Le casette dell’acqua hanno costi alti, quindi non si possono spargere ovunque nella città, questo influirebbe negativamente nel bilancio della S.A.P.A. e come ben sappiamo per mantenerla tra le nostre partecipate, il bilancio dev’essere virtuoso. Siamo favorevoli a una massimo due casette dell’acqua, ma non oltre.”

Quindi eravamo favorevoli alla mozione del gruppo di Martino, ma non all’emendamento proposto su Facebook dalla Consigliera Sciuto, non siamo favorevoli.

La Mozione viene approvata con emendamento Sciuto.

10. MOZIONE PER FAVORIRE LA COSTRUZIONE/PROSECUZIONE DI UN MARCIAPIEDE IN STRADA COSTA DIREZIONE VIA ANTICA DI RIVOLI.

Illustra la mozione il Consigliere Davide Martino

Il Consigliere Bosio propone un emendamento che estende questi interventi a tutta la città.

Il nostro Consigliere Sandro Albrile

“Esiste già un piano d’interventi denominato P.E.B.A. (Piano di eliminazione delle barriere architettoniche) che già la passata amministrazione insieme alla Consulta delle disabilità hanno programmato diversi interventi, quindi a me sembra che anche per questa mozione portata da un gruppo di minoranza si voglia stravolgere. La richiesta del gruppo di Martino è chiara, si parla di intervenire su un punto specifico di via Costa, pericoloso per la circolazione dei pedoni.”

Interviene il Consigliere Bosio dicendo che quel proseguimento di marciapiede finisce nel “nulla”, minacciando di ritirare l’emendamento e quindi bocciando la mozione.

Interviene il nostro Capogruppo Andrea Oliva

“infelice l’intervento del Consigliere Bosio che va a denigrare il lavoro fatto nei passati anni. Andando a riprendere il vostro programma elettorale e leggo testualmente a pagina 15 “occorre anche individuare i tratti pericolosi sulle strade cittadine” . Mi chiedo è necessario fare qualcosa per la sicurezza dei cittadini? SI, è necessario fare qualcosa per il Belvedere? SI e molto altro, l’interventoin questione si integra bene con il vostro programma? SI, allora perchè sminuire la richiesta di un gruppo di minoranza che si fa portavoce di una criticità!”

Interviene il Consigliere Bosio ritirando il suo emendamento

giustificando il ritiro dell’emendamento per il fatto che non è una mozione di maggioranza, gli interventi sul territorio proseguiranno ma decidendo come amministrazione di volta in volta dove farli.

I nostri consiglieri votano in maniera favorevole.

La Mozione viene bocciata dalla Maggioranza.


11. MOZIONE PER INIZIATIVE A FAVORE DEL COMMERCIO DURANTE E DOPO L’EMERGENZA CORONAVIRUS.

Illustra la mozione la Consigliera Linda Genre

premette subito che la mozione è stata una provocazione, per poter capire le intenzioni dell’amministrazione che a quanto pare ad oggi non è stato fatto nulla a favore delle attività commerciali del territorio.

La Mozione viene ritirata.

12. MOZIONE PER LA CELEBRAZIONE DELLA “GIORNATA DEL RICORDO” IN MEMORIA DEI MARTIRI DELLE FOIBE.

Illustra la mozione la Consigliera Linda Genre

I nostri consiglieri votano in maniera favorevole.

La Mozione viene bocciata dalla Maggioranza.

13. MOZIONE PER LA RIDUZIONE TASSA TARI PER LE ATTIVITA’ COMMERCIALI ED ARTIGIANE.

Illustra la mozione la Consigliera Linda Genre

La Mozione viene ritirata.

14. SCIOGLIMENTO ANTICIPATO DELLA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DEL SERVIZIO DI SEGRETERIA TRA I COMUNI DI ALPIGNANO E VILLAR DORA.


Illustra la delibera il Sindaco Steven Palmieri

Interviene il nostro Capogruppo Andrea Oliva

“Non siamo favorevoli a questa scelta del Sindaco nello scioglimento di questa convenzione e quindi la sostituzione del Segretario Comunale Dott.ssa Gavaini. Con la convenzione del Comune di Villardora si risparmiava il 20% della gestione di segreteria.”

I nostri consiglieri votano in maniera contraria.

La Mozione viene approvata dalla Maggioranza.

« Articoli meno recenti