Tag: Ponte Nuovo

CONSIGLIO COMUNALE DEL 29 GIUGNO 2021

1. INTERROGAZIONI

Durante il consiglio comunale del 29.06.2021 il nostro gruppo ha presentato tre interrogazioni: una relativa ai lavori di manutenzione del ponte nuovo, chiedendo la data di inizio lavori, una relativa ai lavori di manutenzione del verde pubblico e una all’installazione del sistema di videosorveglianza sul territorio cittadino.

In merito ai lavori di manutenzione del ponte nuovo, abbiamo chiesto se c’è certezza sulla data di inizio lavori. L’Assessore Barbiani ha detto che non c’è ancora la data: hanno fatto un’ interrogazione a città metropolitana che, attraverso l’ing. Tizzani, ha risposto che gli appalti stanno procedendo come previsto.
Il nostro consigliere Sandro Albrile si è detto soddisfatto, ma esorta l’assessore Barbiani a sollecitare e pungolare città metropolitana.

Interrogazione manutenzione Ponte Nuovo

Per quanto riguarda la seconda interrogazione sui lavori di manutenzione verde pubblico, il nostro consigliere Andrea Oliva ha chiesto giustificazione in merito alla grave situazione di incuria del verde pubblico comunale, con rischi per l’igiene e la sanità pubblica; sottolinea che risulta evidente che è mancata la pianificazione della manutenzione e che si poteva affidare la suddetta manutenzione ai coltivatori diretti di Alpignano e comuni limitrofi, come fatto dalla precedente amministrazione.
L’ Assessore Barbiani dichiara che l’attuale giunta ha fatto una ben precisa scelta politica di intervento sulle consolidate prassi di manutenzione del verde pubblico per costruire un modo diverso di gestione, ovvero accordo quadro, lasciando il comune sommerso da metri di verde pubblico. Ammette che sono in ritardo e si scusa coi cittadini!
Il nostro consigliere Andrea Oliva si dice non soddisfatto della risposta, poiché la decisione politica di modificare le opere di manutenzione, non escludeva l’utilizzo delle vecchie procedure, soprattutto sostiene che si sarebbe potuto optare per il sistema di affido del taglio erba agli agricoltori locali e poi il prossimo anno si variava il sistema passando agli accordi quadri.

interrogazione sui lavori di manutenzione verde pubblico

In merito all’interrogazione sulla installazione dell’impianto videosorveglianza cittadina: la videosorveglianza rappresenta un deterrente contro i crimini. Si richiede alla giunta se intenderà installare un impianto di videosorveglianza.
L’Assessore Barbiani informa che il 15 ottobre scorso l’amministrazione ha presentato domanda per accesso al bando per i finanziamenti, ma che lo stesso non è stato vinto. Il progetto di installazione di videosorveglianza resta uno dei progetti a cui la giunta tiene.
Il nostro consigliere Oliva si dichiara  parzialmente soddisfatto, perché la videosorveglianza è un grande deterrente per i reati all’interno dei comuni, questo porterebbe a maggiore sicurezza nel nostro comune.

Interrogazione impianto di videosorveglianza cittadina

2. COMUNICAZIONI

Il nostro gruppo ha presentato una comunicazione in merito alla segnaletica stradale verticale per sensibilizzare l’amministrazione comunale relativamente ad alcuni cartelli stradali installati ad un’altezza non corretta, che quindi risultano pericolosi per i pedoni che si muovono sui marciapiedi sottostanti. Ai sensi dell’art. 39 del codice della strada i cartelli di segnaletica verticale vanno posizionati sui marciapiedi o sui percorsi pedonali su cui insistono ad un’altezza non inferiore a 2,2 m. dal suolo, mentre ad esempio all’incrocio di Via Valle con via Garibaldi questo non avviene, essendo i cartelli direzionali ben posti più in basso, oscurando peraltro il semaforo ivi esistente. Il consigliere Albrile richiede pertanto venga prestata più attenzione alla normativa vigente in merito e vengano riposizionati in maniera corretta i cartelli maldestramente piazzati.

Comunicazione Posizionamento cartelli stradali

4. RENDICONTO DELLA GESTIONE PER L’ESERCIZIO FINANZIARIO 2020 -APPROVAZIONE

L’Assessore Granisso relaziona che il risultato di amministrazione al 31.12. 2020 è stato di € 6.197.265 e informa che è stato completato il rientro del disavanzo di amministrazione di € 294.113, che risultano crediti di dubbia esigibilita’ per circa 5 milioni di euro, ovvero soldi che i cittadini devono al comune che la giunta cercherà di recuperare. Entrate tributarie per 9 milioni, trasferimenti dello stato per circa 2 milioni di euro, 10 milioni di spese correnti. Il nostro consigliere Andrea Oliva ammette che 3 mesi di insediamento della nuova giunta non permettono nulla se non la mera analisi ragionieristica del bilancio. La sua chiosa si sofferma sul disavanzo di bilancio del 2019 che fa pensare ad una amministrazione scellerata ma che i circa € 294.000 sono frutto di una particolare obbligatorietà che ha determinato un disavanzo tecnico.

Presenta la delibera l’Assessore Granisso, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri si sono astenuti.

Delibera approvata.

5. BILANCIO FINANZIARIO 2021 – 2023 – 3 VARIAZIONE

Il consigliere Andrea Oliva ha chiesto lumi in merito ad alcuni aspetti del bilancio ovvero l’avanzo di amministrazione nella parte vincolata, nello specifico qual è l’importo dell’avanzo di amministrazione e quanta parte viene utilizzata in questa manovra.
Risponde l’Assessore specificando che l’avanzo ammonta ad €  954.219. Interviene il dott. Cangini che chiarisce che l’avanzo applicato in questa variazione ammonta a circa € 326 mila.
Il consigliere Oliva si è soffermato sul fatto che l’avanzo di bilancio è piuttosto cospicuo, questo significa che non si sono mantenuti gli impegni presi, esorta gli assessori in carica a spendere ciò che è stato previsto, sinonimo di buona amministrazione. Nello specifico, la critica è rivolta al fatto che si è dovuto far ricorso alla variazione di bilancio per fare attività già previste nel precedente bilancio.

Presenta la delibera l’Assessore Granisso, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri si sono astenuti.

Delibera approvata.

6. MODIFICA REGOLAMENTO TARI

7. PRESA D’ATTO DEL PEF ANNO 2021 – DELIBERATO DALL’ASSEMBLEA CONSORTILE CADOS IN DATA 08/06/2021

8. APPROVAZIONE TARIFFE DELLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2021

Il Consiglio Comunale decide di accorpare in un unico dibattito i 3 punti in oggetto e l’Assessore Granisso presenta la delibera, concludendo che grazie al DPR 158/99 si potrà godere del beneficio di una riduzione di circa 11% della quota variabile della e quindi del 5-6% in meno sul totale della bolletta.

Il nostro consigliere Oliva sottolinea ed esplicita ai cittadini che tale beneficio nella gestione delle tariffe, grazie all’intervento di copertura di una parte delle utenze domestiche, è da considerarsi un’attività UNA TANTUM, quindi valida solo per quest’anno.

Presenta la delibera l’Assessore Granisso, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

9. PROGRAMMA BIENNALE DEGLI ACQUISTI DI FORNITURE E SERVIZI 2021/22. APPROVAZIONE SECONDA MODIFICA

Nel rivedere la documentazione del programma triennale si sono riscontrati errori materiali e di merito che impongono di votare un emendamento relativo al programma biennale degli acquisti e delle forniture, nel merito del servizio di riscossione coattivo ( che passa da 36 a 48 mesi), del trasporto scolastico e della concessione asilo nido. L’Assessore Barbiani relaziona la delibera, specificando che si prevedono acquisti e servizi ben superiori a € 40.000,00  per servizi e forniture dell’ente (comprese assicurazioni, taglio del verde, fornitura energia elettrica e del gas) e pertanto si richiede l’inserimento di questi costi nel programma triennale.

Il consigliere Oliva interviene a proposito del taglio del verde non dichiarandosi soddisfatto del metodo con cui la maggioranza ha assegnato l’incarico ad un unico operatore, invece di far lavorare i coltivatori diretti come nella precedente amministrazione, magari riunitisi in un’associazione temporanea d’imprese.

Esprime perplessità anche in merito alla riscossione coattiva poiché si sarebbe potuto fare di più nell’accertamento e nel recupero dell’evasione tributaria, investendo parte dei soldi in risorse interne, quindi nel personale, per poter abbattere la cifra di € 70.000,00 oggetto dell’emendamento. Ritenendo puramente politico l’indirizzo da percorrere per raggiungere gli obiettivi e massima espressione della volontà politica l’espressione del voto dei consiglieri in Consiglio Comunale, il consigliere Oliva si dichiara basito dall’apprendere che decisioni importanti per tutti i cittadini si possano prendere sulla base di meri errori di calcolo, relativi ad interventi e cifre che a monte fanno parte di un programma di mandato.

Presenta la delibera l’Assessore Barbiani, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri si sono astenuti.

Delibera approvata.

10. SOCIETA’ PARTECIPATA CIDIU SERVIZI S.P.A.: APPROVAZIONE DELLA MODIFICA DELL’ART. 5 DELLO STATUTO SOCIALE RELATIVO ALL’OGGETTO SOCIALE

Dal 1/01/2021 il servizio di igiene ambientale è tornato in capo alla CIDIU SPA, in seguito ad un procedimento di ristrutturazione societaria della società partecipata e, come illustra l’Arch. Titonel, tutti i 17 comuni che hanno partecipazione col Cidiu sono tenuti a deliberare la modifica dell’art. 5.

Tale modifica viene presentata come presa d’atto di un percorso obbligato per legge, all’interno delle configurazioni societarie di Cidiu Spa e Cidiu Servizi, che sostanzialmente ufficializza il rientro del servizio di gestione rifiuti al Cidiu Spa.

A questo proposito intervengono entrambi i nostri consiglieri, ponendo l’accento sul fatto che il nuovo art.  5 comporta un sostanziale cambiamento rispetto al precedente statuto poiché prevede di trattare e smaltire anche RIFIUTI PERICOLOSI . Tale aspetto preoccupa non poco poiché evidenzia la volontà della Cidiu di allargare la propria possibilità di business anche ai “RIFIUTI URBANI, SPECIALI, ANCHE PERICOLOSI “, fatto di per sé comprensibile in un’ottica aziendale di profitto, ma assolutamente allarmante poiché lontano dallo scopo fondamentale della partecipata, cioè quello di assolvere bene al proprio compito di raccolta dei rifiuti dei cittadini e delle imprese assimilabili ai rifiuti urbani. Inoltre questa modifica potrebbe agire a sfavore della città qualora cambiassero i vertici, oggi affidabili e di tutto rispetto, del Cidiu poiché apre la strada anche a possibili logiche malsane.

Il consigliere Albrile sottolinea come fosse necessario specificare nel dettaglio cosa si intende per “pericoloso” all’interno dell’art. 5, con l’ausilio di un codice, poiché per come è scritto nell’articolo è troppo generico e quindi soggetto ad interpretazione.

Presenta la delibera l’Arch. Franco Titonel, interviene il Consigliere Albrile
Presenta la delibera l’Arch. Franco Titonel, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera contraria.

Delibera approvata.

11. ABROGAZIONE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA TRANSITORIA DI ALCUNE FASI E PROCEDURE RELATIVE ALL’ACQUISIZIONE DI BENI, SERVIZI E LAVORI, IN ATTUAZIONE DEL CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI CUI AL D.LGS.18 APRILE 2016, N. 50 – APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N.39/2016

12. ABROGAZIONE REGOLAMENTO: NUOVO CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI CUI AL D.LGS.18 APRILE 2016, N. 50 PER IL PROCEDIMENTO DI ACQUISIZIONE SEMPLIFICATA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE – APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N.40/2016

Il Consiglio Comunale decide di accorpare in un’unica discussione i due punti in oggetto.

Il consigliere Oliva condivide l’indicazione di utilizzare delle regole che sono leggi e linee guida esplicative delle leggi, soprattutto in un’ottica di snellimento delle procedure e di velocità degli acquisti.

Auspica un’ulteriore forma di controllo, poichè gli strumenti a disposizione della pubblica amministrazione per gli acquisti in rete permettono di trovare i fornitori coi prezzi migliori, e suggerisce comunque di ricorrere a minigare via email per mettere le imprese in concorrenza.

Presenta la delibera il Segretario Comunale Dott. Ciancaglini, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

13. APPROVAZIONE REGOLAMENTO BENI CONFISCATI

L’Assessore Scrima illustra il regolamento da approvare per disciplinare la concessione in uso a terzi dei beni immobili confiscati alla criminalità organizzata assegnati al patrimonio comunale sul cui territorio insistono, sottolineando che la finalità di tale concessione è quella di creare sul territorio attività a fini sociali e di sviluppo per Alpignano nell’ottica di una sempre maggiore cultura della legalità.

A garanzia della valutazione delle istanze verrà creata una commissione composta da Direttore Area Servizi alla Persona (Presidente), Direttore Area Patrimonio (Componente) e da un Componente esperto.

Proprio su quest’ultima figura, interviene il consigliere Oliva evidenziando una lacuna nel regolamento poiché non contiene una norma che stabilisca chi nomina tale Componente esperto né la durata del suo incarico. Anche l’articolo 8, che prevede l’affidamento dei beni in oggetto per un massimo di 19 anni, un periodo che pare troppo esteso considerando che eventuali investimenti potrebbero verificarsi in itinere, è oggetto di perplessità.

Ci piace inoltre sottolineare che le premesse per la gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata si devono alla precedente amministrazione comunale, che catalizzò l’attenzione sulla comunicazione del Ministero di Grazia e Giustizia relativa all’esistenza sul nostro territorio di tali risorse, e partecipò dopo lungo lavoro al bando, vinto, con cui ci furono affidati tali beni.

Presenta la delibera l’Assessore Scrima, interviene il Consigliere Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

14. APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L’ACCESSO ALL’ARCHIVIO STORICO E DI DEPOSITO

L’Assessore Peraccio presenta il regolamento per l’organizzazione e la gestione dell’archivio storico e di deposito, steso nell’ottica di favorirne la pubblica fruizione, ad uso gratuito, dettagliando le modalità di accesso e di eventuale allontanamento in caso di incuria o danneggiamento.

Presenta la delibera l’Assessore Peraccio, interviene il Consigliere Albrile

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

15. INTEGRAZIONE DEL REGOLAMENTO PER LE AREE MERCATALI

L’assessore Montagono relaziona la delibera per approvare un’integrazione al regolamento delle aree mercatali cittadine, proponendo  l’introduzione del nuovo articolo 31 bis, relativo alla possibilità per l’operatore, concessionario nello stesso mercato di più posteggi, di accorpare su richiesta, due posteggi adiacenti appartenenti al medesimo settore merceologico.

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

Delibera approvata.

16. MOZIONE PER INTITOLAZIONE DI UN LUOGO ALLE VITTIME DELLE FOIBE

Come Obiettivo Alpignano in un’ottica costruttiva abbiamo proposto una mozione che consentisse di avere un posto dedicato alla memoria di tutti coloro che sono stati umiliati e massacrati dai partigiani Titini, vittime che hanno subito una morte atroce buttate all’interno di buche naturali ricavate nelle rocce, dette Foibe, quasi a nascondere l’efferatezza di una presunta vendetta su inermi civili di origine italiana.

Ecco oggi il nostro pensiero va a coloro che han dovuto subire queste torture, a coloro che si sono ritrovati, i più fortunati, a morire sul colpo e agli altri, agonizzanti per giorni, ben sapendo qual fosse la fine che li aspettava.

Il pensiero va anche a tutti i familiari e ai discendenti di queste persone che per troppi anni si sono sentiti figli di un Dio minore.

La mozione presentata è stata condivisa anche da altri due gruppi politici di minoranza.

Oggi con soddisfazione lo possiamo dire: anche Alpignano avrà un giardino intitolato alle vittime delle Foibe e precisamente parliamo dello spazio verde ubicato all’angolo tra via Mazzini e via Marconi, all’ombra del Pino storico e della tipica fontana Torinese “Toret”.

Per una volta la demagogia ha perso e ha vinto il motto che bisogna :

“RICORDARE PER NON DIMENTICARE”

Presenta la Mozione il nostro Consigliere Sandro Albrile, intervengono i Consiglieri Albrile e Oliva

I nostri consiglieri hanno votato in maniera favorevole.

La Mozione viene approvata.

LE NOSTRE INTERROGAZIONI AL PROSSIMO CONSIGLIO COMUNALE.

In prossimità del prossimo Consiglio Comunale i nostri due consiglieri Andrea Oliva e Sandro Albrile hanno presentato due interrogazioni con risposta verbale.

Poiché nella prossima primavera proseguiranno i lavori di manutenzione del Ponte Nuovo, con conseguente chiusura parziale con l’istituzione di un senso unico alternato per un periodo di circa 10 mesi fino ad inverno 2022 inoltrato ed a breve, come comunicato da Città Metropolitana, verranno collocate barriere di cemento per impedire il transito sul Ponte Nuovo dei mezzi aventi massa superiore alle 3.5 tonnellate, il gruppo consiliare di Obiettivo Alpignano ha interrogato il Sindaco e la Giunta affinché valutino l’iniziativa di procedere, in collaborazione con Città Metropolitana ed i comuni limitrofi, all’installazione temporanea di un ponte Bailey per tutto il periodo dei lavori di manutenzione del Ponte Nuovo riducendo il disagio rispetto al transito di tutti i veicoli, compresi quelli agricoli che ora devono sostenere lunghi percorsi per l’esercizio delle loro attività nonché alleggerendo il traffico dei mezzi attraverso il centro storico e il Ponte Vecchio e limitando i notevoli disagi anche ai mezzi di soccorso.

Clicca sull’icona per scaricare l’interrogazione “Installazione Ponte Bailey”


La seconda interrogazione è inerente al ripristino della sala d’attesa della stazione ferroviaria di Alpignano. La scelta di chiusura dell’Ente gestore ha creato inevitabilmente disagi soprattutto alle persone più anziane che si avvalgono del servizio del trasporto ferroviario ed abbiamo ricevuto non poche segnalazioni dai pendolari per chiedere il ripristino della piena operatività della stazione. E’ inoltre inaccettabile che la stazione ferroviaria, che a breve potrà rappresentare un nodo di interscambio fondamentale anche per presenza della sede del poliambulatorio dell’ASL TO3 al Movicentro in Piazza Tullio Robotti, non possa garantire il servizio di una sala d’attesa. A tal fine il gruppo consiliare di Obiettivo Alpignano ha sollecitato l’Amministrazione ad un dialogo con la società RFI, per valutare un protocollo d’intesa che definisca la riapertura e la gestione della sala d’attesa della stazione ferroviaria di Alpignano.

Clicca sull’icona per scaricare l’interrogazione “Riapertura sala d’attesa stazione ferroviaria Alpignano”

SITUAZIONE PONTE NUOVO – VIDEO INCONTRO DEL 18 NOVEMBRE 2020

In data 18 c.m. alle ore 10.00 si è tenuto un secondo video incontro in merito alla situazione del Ponte Nuovo.

All’incontro sulla piattaforma streaming Zoom hanno partecipato per il Comune di Alpignano, l’Architetto Franco Melano; per la maggioranza, il Sindaco Steven Palmieri e gli assessori Pierpaolo Barbiani e Vittorio Granisso; per l’opposizione, Andrea Oliva, Sandro Albrile, Davide Martino e Linda Genre; per Città Metropolitana, il Consigliere Fabio Bianco, l’Ing. Matteo Tizzani e Giovanni Candiano; per il Comitato Genitori IC, Roberta Mingolla; per la Coldiretti, Enrico Pianta; per il Comitato Ponte Nuovo, Claudio Puccioni; per i trasporti pubblici, Gherra; per l’Istituto Comprensivo Alpignano, Silvana Andretta; per la Croce Verde di Alpignano, Mauro Dell’Armellina; i rappresentanti dei comuni di Alpignano, di Collegno e di Givoletto, unici dei 19 comuni invitati e firmatari della lettera di protesta di qualche mese fa.

Il Sindaco Palmieri domanda a Fabio Bianco, consigliere metropolitano ed all’Ing. Tizzani, responsabile dei lavori pubblici di Città Metropolitana, di relazionare sugli interventi da attuare.

Interviene Fabio Bianco scusandosi per non essere stato presente al precedente incontro, causa il troppo poco preavviso. Il Ministero delle Infrastrutture ha stanziato € 2.000.000,00 ed entro fine anno si concluderà la progettazione per i nuovi interventi affinché nella prossima primavera abbiano inizio i lavori che saranno eseguiti in due fasi successive. L’intervento realizzato tra agosto e settembre, dell’importo di € 300.000,00, ha risolto la problematica strutturale sui pilastri (fratture). Purtroppo alcune tipologie di mezzi non possono ancora circolare, causa la soletta troppo sottile e debole.

L’Ing. Tizzani conferma quanto riportato da Fabio Bianco, condivide alcune tavole che pongono in rilievo la tecnica adottata per la riparazione dei pilastri ed evidenzia il collaudo e certificato dei lavori che sono stati svolti dalla Sistral, azienda specializzata in interventi strutturali. In approvazione ora è la progettazione di due interventi:

  1. Il rifacimento della parte superiore. Verrà rinforzata la soletta che sarà realizzata con un ispessimento della stessa. Dopo i lavori della prima fase sarà consentito il passaggio con mezzi fino alle 26 tonnellate con deroga per alcuni fino a 44 tonnellate. In questa prima fase il cantiere avrà una durata prevista di 10 mesi.
  2. La seconda fase non avrà interferenze con il traffico stradale e riguarderà la continuazione dei lavori di rinforzo degli archi e delle altre strutture del ponte.

Prende la parola il Sindaco Palmieri parlando dell’installazione delle reti di protezione anti suicidio, esigenza che era stata espressa dalla precedente amministrazione, e della deroga al passaggio degli scuolabus.

L’ing. Tizzani comunica altresì che per impedire il passaggio dei mezzi pesanti verrà predisposto un restringimento fisico con barriere e non con un portale come inizialmente valutato. Le barriere verranno collocate nelle prossime settimane.

Interviene Enrico Pianta a rappresentanza della Coldiretti esponendo le criticità degli agricoltori, chiedendo chiarimenti su eventuali deroghe per alcuni mezzi che superano le 26 tonnellate alla fine della prima fase dei lavori.
Il Consigliere Metropolitano Fabio Bianco e l’Ing. Tizzani comunicano che è allo studio un piano strategico per future viabilità alternative ed in tal merito si evidenziano due probabili ipotesi, lato Caselette e lato Pianezza.

L’architetto Melano del Comune di Alpignano richiede all’Ing. Tizzani di trasmettergli la documentazione relativa alla certificazione e collaudo del ponte dopo i lavori effettuati su pilastri ed imposte degli archi.
L’assessore Barbiani ringrazia tutti per l’impegno; manifesta la grave situazione di disagio per gli agricoltori estendendo loro un pensiero di solidarietà.

Il capogruppo di Obiettivo Alpignano, Andrea Oliva, considerando la durata di circa 10 mesi dei lavori, da primavera 2021 ad inverno 2022 inoltrato, domanda come verrà gestito il flusso del traffico. A riscontro viene espresso che verrà stabilito un senso unico alternato.

Oliva chiede inoltre se il ripristino delle armature ammalorate e del copriferro della struttura del ponte (pilastri e archi) verrà fatto nella prima o nella seconda fase. Risponde l’Ing. Tizzani: seconda fase. Nei lavori di ripristino delle fratture dei pilastri sono stati inclusi e già realizzati anche i lavori di ripristino delle imposte degli archi. Tale intervento ha consolidato strutturalmente gli archi, ma non tutti i mezzi pesanti possono ancora transitare per il problema della fragilità della soletta.

L’assessore Granisso fa appello per installare il sistema di restringimento della carreggiata nel più breve tempo possibile.
Mauro Dell’Armellina della Croce Verde di Alpignano esprime dubbi sul senso unico alternato durante la prima fase dei lavori e grande preoccupazione per la gestione delle emergenze.

L’incontro è terminato alle 11.30.

In questa sezione, Città Metropolitana ha avvisato con anticipo che il Ponte Nuovo, per un periodo di circa 10 mesi, sarà sottoposto ad una circolazione alternata del traffico, che non gioverà sicuramente alla viabilità cittadina gravando nuovamente in parte sul Ponte Vecchio e creando intasamenti nelle ore di maggiore percorrenza su tutto il nostro territorio.

Ricordiamo dopo la precedente improvvisa chiusura di maggio del Ponte Nuovo, l’allora candidato sindaco Steven Palmieri, appoggiato da compagni e Sindaci di partito dei comuni limitrofi (oggi non presenti al video incontro), protestare e rivendicare in nome dei cittadini di Alpignano delle soluzioni.

Confidiamo, pertanto, che ora con la sua Giunta possa stilare soluzioni condivise con Città Metropolitana per evitare che i 10 mesi di cantieri non diventino un secondo incubo per gli alpignanesi cittadini e commercianti.

Il tempo delle bandiere e delle marce sul ponte è concluso, ora tocca dimostrare capacità!

Primo tavolo informativo sulla situazione “Ponte Nuovo”

Nella data del 12 ottobre 2020, presso il salone Cruto, si è svolto il primo tavolo informativo sulla situazione “Ponte Nuovo”, convocato dal neo eletto Sindaco di Alpignano Steven Palmieri. A coordinare l’incontro erano presenti, per il Comune di Alpignano, il Sindaco e il responsabile dei lavori pubblici.
Presenti in sala molti dei soggetti coinvolti, tra i quali i rappresentanti delle opposizioni, la Coldiretti, GTT, i Sindaci di alcuni comuni limitrofi, la Croce Verde, la Polizia Locale del Comune di Pianezza, l’Istituto Comprensivo di Alpignano, il Comitato Ponte Nuovo, il Comitato Genitori, l’Istituto “G. Dalmasso” ecc.
I rappresentanti di Città metropolitana, proprietaria del ponte ed ente che si sta occupando della realizzazione dei lavori di messa in sicurezza dello stesso, che tutti aspettavamo di incontrare, purtroppo non erano presenti all’incontro. Ci rendiamo però conto che un preavviso di un giorno, senza accordi preventivi,
è un tempo troppo breve per organizzare incontri ai quali devono partecipare soggetti gravati da innumerevoli responsabilità e conseguenti impegni.
L’incontro è stato un’occasione per ricapitolare quanto già è stato evidenziato in questi ultimi mesi senza avere risposte a molte delle numerose domande sorte, dato che i tecnici di Città Metropolitana non sono stati messi in condizione di poter partecipare e alcune domande comportano valutazioni sulla disponibilità di
risorse economiche da parte del Comune di Alpignano.
I presenti all’incontro hanno appreso che verranno installati dei portali per limitare l’accesso ai mezzi oltre le 3,5 tonnellate. I portali con un’altezza pari a 2,5 metri determinano alcune criticità tra le quali l’impossibilità di transito delle ambulanze che hanno un’altezza superiore a tale limite.
È fondamentale che il Sindaco attivi un dialogo con i responsabili della Croce Verde di Alpignano in primis, ma anche con i responsabili del servizio di Dipartimento Emergenza Urgenza 118, al fine di modificare l’altezza di detti portali per consentire il passaggio delle ambulanze.
È necessario che si trovino soluzioni in tempi brevi per consentire a tutti i mezzi di trasporto pubblico di effettuare il regolare servizio con le tratte e i percorsi precedentemente stabiliti dall’Agenzia della mobilità piemontese.
Nell’incontro è emersa un’ulteriore problematica: i ragazzi che utilizzano la linea gialla dello scuolabus devono uscire mezz’ora prima dell’orario scolastico. Questo, come sottolineato dalla dirigente scolastica presente all’incontro, incide sulla frequenza scolastica e potrebbe portare, se perpetuato per l’intero anno,
all’invalidazione dell’anno scolastico per il superamento del limite delle assenze. È necessario che l’amministrazione comunale si faccia carico di questa problematica giungendo ad una soluzione in tempi rapidi.
Con la speranza che le prossime riunioni siano organizzate con maggiore attenzione nei confronti dei partecipanti e di conseguenza possano essere più proficue, si attende l’esecuzione delle attività enunciate e ulteriori comunicazioni in relazione agli impegni presi dal Sindaco.